banner malwarebytes

Tutorial

Tutorial utili su vari argomenti di risoluzione dei problemi del PC. Tutorial video.

Come rimuovere Sickfile Ransomware e decifrare .sickfile file

0
Sickfile Ransomware è un'infezione dannosa che utilizza una crittografia avanzata per tenere in ostaggio i dati delle vittime e ricattarle affinché paghino denaro per la sua decrittazione. Se i tuoi file hanno acquisito il nuovo .sickfile estensione e hanno perso le icone, è probabile che sia un segno che indica che sono stati crittografati correttamente. Il how_to_back_files.html file è dove i criminali informatici successivamente spiegano come annullare gli effetti della crittografia, ovvero restituire l'accesso ai dati. Ecco un testo completo presentato all'interno della nota. Nel complesso, gli attori delle minacce affermano che la decrittazione è possibile se le vittime contattano i truffatori e pagano per lo speciale software di decrittazione. La comunicazione deve essere stabilita o attraverso il link allegato o uno degli indirizzi e-mail indicati. Nel caso in cui le vittime non riescano a contattare i criminali informatici entro 72 ore, si dice che il prezzo per la decrittazione aumenterà. Inoltre, gli estorsori minacciano di divulgare i dati crittografati a risorse pubbliche o di venderli a figure di terze parti nel caso in cui alla fine non venga effettuato alcun pagamento.

Come fermare lo spam e-mail di Qtumcoin.net

0
Qtumcoin.net è una campagna fraudolenta di posta indesiderata che prende di mira un gran numero di destinatari in tutto il mondo. Il suo scopo è indurre gli utenti inesperti/disattenti ad aprire un falso sito Web Qtum e investire i loro soldi in esso. L'oggetto del messaggio può visualizzare "Bitcoin Payment Successfull" (o un'intestazione simile) e indicare un testo accattivante con informazioni su un'enorme quantità di 85.7777 BTC che è stata depositata nel portafoglio Bitcoin dell'utente. Per confermare l'equilibrio, gli attori delle minacce affermano che è necessario seguire un collegamento che porta al qtumcoin.net sito web. In effetti, questa pagina web è fraudolenta e non deve essere confusa con la pagina ufficiale della criptovaluta Qtum - qtum.org. I truffatori che promuovono questa o simili pagine false le usano per rubare denaro a utenti inesperti. La posta elettronica è un canale molto popolare ed economico che viene costantemente abusato dai criminali informatici per consegnare innumerevoli lettere fraudolente, non richieste e persino dannose. Per questo è importante essere cauti quando si ricevono e-mail da fonti sconosciute e non attendibili, soprattutto se contengono richieste di informazioni personali o investimenti finanziari. Non fidarti dei messaggi di posta elettronica provenienti da mittenti non verificati che contengono titoli appariscenti e contenuti sospetti che offrono di aprire o scaricare qualcosa (che si tratti di allegati o collegamenti). Leggi la nostra guida con suggerimenti utili su come evitare tali tecniche di truffa via e-mail e ridurre le possibilità che vengano recapitate.

Come rimuovere Bitenc Ransomware e decifrare .bitenc file

0
Bitenc è un nuovo crittografatore di file proveniente dalla famiglia di ransomware Mallox. I malware di questo tipo sono progettati per crittografare i file delle vittime e richiedere il pagamento in cambio della chiave di decrittazione. Una volta che Bitenc Ransomware ha infettato un sistema, eseguirà la scansione del sistema alla ricerca di tipi di file potenzialmente importanti (ad es. Documenti, immagini, video, ecc.) E scriverà cifre sicure sui dati mirati. Inoltre, il virus aggiunge anche la sua consuetudine .bitenc estensione. Ad esempio, un file originariamente denominato 1.pdf cambierà in 1.pdf.bitenc e diventano non più accessibili. L'aggiunta di nuove estensioni viene solitamente eseguita per evidenziare semplicemente i dati bloccati e consentire alle vittime di individuare gli effetti della crittografia. Dopo aver eseguito correttamente la crittografia, gli sviluppatori dietro Bitenc Ransomware presentano le loro richieste di riscatto all'interno del file FILE RECOVERY.txt nota di testo che viene creata sul desktop della vittima.

Come correggere l'errore "L'app UI sistema non risponde" in Android

0
L'app UI sistema non risponde, "L'interfaccia utente del sistema non risponde", "Sfortunatamente, UI sistema si è interrotta" e altri messaggi di errore simili relativi all'interfaccia utente possono essere visualizzati inaspettatamente sul dispositivo Android e impedire ulteriori interazioni con esso. UI è l'acronimo di User Interface ed è tutto ciò che implica l'interazione con app, funzionalità, contenuti e varie funzioni del dispositivo. Il problema quando l'interfaccia utente del sistema ha smesso di rispondere appare spesso in una finestra pop-up e impedisce agli utenti di utilizzare ulteriormente lo schermo. Di conseguenza, è probabile che il tuo dispositivo tenti di riavviare l'app dell'interfaccia utente di sistema stessa per ripristinare il corretto funzionamento del telefono. Sfortunatamente, mentre per alcuni utenti questo errore appare solo una volta a causa di un raro problema tecnico del sistema e non si ripresenta, in altri casi potrebbe risuonare nuovamente la sua presenza e interrompere continuamente l'esperienza degli utenti. Questo problema viene regolarmente definito come causato da cache danneggiata o file temporanei, mancanza di memoria del dispositivo, aggiornamenti disinstallati e persino app di terze parti problematiche che creano problemi di incompatibilità. Puoi seguire la nostra guida con 5 potenziali soluzioni che risolveranno l'errore "L'interfaccia utente del sistema non risponde". Tieni presente che i passaggi descritti nelle nostre istruzioni possono avere un aspetto leggermente diverso a seconda del tuo dispositivo Android.

Come rimuovere Buddyransome Ransomware e decifrare .buddyransome file

0
Buddyransome è un virus ransomware che funziona crittografando l'accesso ai dati. I criminali informatici utilizzano le sue capacità per limitare i file potenzialmente importanti e ricattare le vittime affinché paghino denaro per la decrittazione completa. Le vittime possono vedere la modifica dannosa una volta che i file mirati vengono modificati con il nuovo .buddyransome estensione - per esempio, un file come 1.pdf cambierà in 1.pdf.buddyransome e ripristinare la sua icona originale dopo la crittografia riuscita. Successivamente, una nota di testo contenente le istruzioni di decrittazione (HOW_TO_RECOVERY_FILES.txt) verrà creato. Le vittime affermano che tutti i dati significativi sono stati crittografati e ora rischiano di essere pubblicati su risorse online. Per evitare ciò e decrittografare i dati bloccati, i criminali informatici ordinano di scrivere un messaggio di posta elettronica a buddyransome@aol.com e di includere il proprio ID personale copiandolo e incollandolo dalla nota generata. Successivamente, gli attori delle minacce dovrebbero rispondere con il prezzo per la decrittazione/non divulgazione dei dati e fornire istruzioni su come eseguire il pagamento.

Come rimuovere DeathOfShadow Ransomware e decifrare .Death_Of_Shadow file

0
DeathOfShadow è un virus ransomware che codifica l'accesso ai file archiviati nel sistema (utilizzando algoritmi AES + RSA) e richiede alle vittime di pagare denaro per la decrittazione. Durante la crittografia, assegna anche il proprio .Death_Of_Shadow estensione per evidenziare i dati bloccati. Ad esempio, un file come 1.pdf cambierà in 1.pdf.Death_Of_Shadow e diventare inaccessibile. Dopo che tutti i file mirati finiscono per essere limitati, il virus crea una nota di testo chiamata (Malakot@protonmail.com).txt or (malakot@tutanota.com).txt a seconda della versione del ransomware che ha attaccato il sistema. La nota di testo è dove i criminali informatici delineano le istruzioni di decrittazione per le loro vittime. Nel complesso, si dice che le vittime debbano contattare gli estorsori tramite il loro indirizzo e-mail. In seguito, si suppone che alle vittime vengano fornite ulteriori linee guida su come pagare i soldi e restituire i file. Di norma, la maggior parte dei criminali informatici richiede di pagare un riscatto in criptovaluta poiché è un modo non rintracciabile e sicuro per ricevere guadagni fraudolenti. Inoltre, gli attori delle minacce si offrono di testare le proprie capacità di decrittazione, il che implica che le vittime possono inviare un file (non prezioso e fino a 10 MB) e ottenerlo decrittografato gratuitamente. Il testo nella richiesta di riscatto avverte inoltre che, a meno che le vittime non stabiliscano un contatto con i criminali informatici entro 48 ore, la decrittazione dei file non sarà più possibile.